Laboratorio Paziente Simulato Italia - Simulated Patient Laboratory Italy

Le prime simulazioni nell'ambito della medicina generale sono nate a Trento nel 2003, prendendo lo spunto da quelle effettuate in UK a Leicester.
Nel 2005 la dr.ssa Evelyn Baumgarten responsabile delle simulazioni della Università di Nijmegen (NL) ha tenuto a Trento un seminario di due giorni a cui hanno partecipato diversi mmg responsabili della didattica soprattutto nella formazione specifica, provenienti da diverse regioni italiane.
Dal 2006 a Trento con vicende alterne fino al 2015 si sono svolti percorsi seminariali con la metodologia del paziente simulato 

nell'ambito della Formazione Specifica in Medicina Generale, ma anche in altri contesti formativi.

L'esperienza è stata portata in diversi contesti italiani, tra cui alcune dimostrazioni  in ambito di congressi (Csermeg 201xxx), corsi ed anche in Toscana alla formazione specifica in medicina generle e a Milano nell'ambito di corsi per studenti di medicina della Facoltà di medicina Bicocca di Monza.

Dalla Toscana (Pisa) e dalla Lombardia (Monza) sono poi partiti altri due laboratori sulle simulazioni

Simulation laboratory Trento -Italy

Responsabili Norma Sartori e Fabrizio Valcanover medici di medicina generale prov. Trento

(Curriculm formativo sulle simulazioni di Sartori e Valcanover)

 

In attività piena dal 2006, con in forza attualmente 8 Simulatori di cui 4 in attività dal 2006 con più di 400 ore di simulazioni.

Lavoro prevalente nella formazione specifica in medicina generale, ma anche con i medici di medicina generale e di continuità assistenziale,  in ambito universitario, con personale segretariale non medico.

Nel 2009 in occasione del congresso internazione di Wonca Europa 2009 è stato presentato un poster che illustrava la metodologia approntata da Sartori e Valcanover

Il team ha inoltre effettuato numerose dimostrazioni in occasione di congressi e convegni e di corsi per tutor mmg e sulla didattica in medicina generale

 

Docenti e facilitatori:

dr.ssa Norma Sartori -MMG

dr. Fabrizio Valcanover – MMG

 

Simulatori (la voce del Paziente): Adelina Valcanover, Stefano Zanella, Veronica Pasti, Raffaele Vergara, Flavio Valcanover, Giacomo Ferrari, Nicola Vergara, Lucia Stedile, Ewa Wisnlewska.

Un ampia decrizione della metodologia usata da Sartori e Valcanover fino al2012 si trova nella nella tesi del dott.Moreno Roccato, corsista specializzando in medicina generale che ha presentato la tesi a Trento nel novembre del 2012.

 

L'uso del paziente simulato nella didattica in Medicina Generale

Tra le diverse attività del laboratorio Clipslab di Trento si propongono alcuni resoconti sintetici, sia di attività nella formazione specifica che nella formazione continua sia nella formazione di tutor e docenti 

News
Simulation laboratory Pisa  - Italy
 Simulation laboratory Monza - Italy

Il laboratorio è condotto  da Marina Bosisio, Vittorio Caimi, Enrico Beretta e Simonetta Pagliani, medici di medicina generale, è in attività dal 2012, con due simulatori.

Lavoro prevalente all’Università con studenti di medicina (Monza Bicocca)

ed anche nella formazione specifica in medicina generale.

 

Il gruppo di Monza di CliPs Lab da anni lavora nella formazione degli studenti del corso di laurea di medicina e chirurgia di Milano Bicocca con sede in Monza.

In questo contesto didattico ha anche utilizzato le simulazioni con un originale interpretazione.

 

e

Il laboratorio è guidato da  Giuliana Bondielli e Giampaolo Collecchia, medici di  Medicina Generale, che sono presenti in Toscana esperienze di simulazione di storie cliniche dal 2013; durante il primo anno ciascuno dei due ha lavorato per conto proprio nei contesti delle proprie sessioni seminariali (Relazione medico – paziente, Temi Clinici vari) affrontando una nuova modalità di svolgimento della docenza.

In seguito alla costituzione della sezione di Clips Lab nell’ambito di CSeRMEG e grazie all’aiuto dei colleghi esperti Valcanover e Sartori, hanno deciso di mettere insieme le forze e di condividere alcune sessioni di confronto  con i discenti, nelle quali proporre le prove di Simulazione di storie cliniche.

Attraverso la condivisione di canovacci allestiti ad hoc (circa venti estrapolati dalle cartelle cliniche in uso alla Medicina Generale), grazie alla presenza di tre simulatori, hanno lavorato con le classi di Siena, Pisa e Firenze, spesso in stretta collaborazione con i Coordinatori di Corso.